La casa nel borgo costa solo 1 euro: in Sardegna si può.

È l’iniziativa messa in campo dal comune di Romana, nell’entroterra sassarese, a una mezz’oretta
di auto dalla costa. Garante dell’operazione è l’amministrazione comunale nell’ottica di una
politica di ripopolamento del paese. Noi di Furbatto abbiamo contattato il Comune e parlato
direttamente con la sindaca Lucia Catte.



Preparate la bottiglia di Cannonau per festeggiare. Se il vostro sogno è acquistare casa in Sardegna
a solo 1 euro
, oggi potete realizzarlo senza difficoltà.


La Sardegna condivide con altri parti d’Italia il fenomeno dello spopolamento dei piccoli borghi con
ricadute sulla tenuta economica del territorio. Così, anche qui, si corre ai ripari attraverso
l’iniziativa “una casa a 1 euro” con lo scopo di attrarre non solo potenziali turisti, ma anche
persone interessate a cambiare vita a trasferirsi in un borgo.


A battere questa strada è anche il Comune di Romana, nell’entroterra sassarese. A illustrare
l’operazione è la prima cittadina Lucia Catte: “Romana, come molti altri piccoli comuni della nostra
regione, è impegnata concretamente in una strategia di nuovi insediamenti per rilanciare il tessuto
dell’intera zona”. Da qui, l’idea di vendere al prezzo di 1 euro gli immobili: “Si tratta
prevalentemente di strutture divenute seconde case e da tempo disabitate” osserva la sindaca
Catte.


A farsi garante dell’operazione è lo stesso Comune di Romana. “Abbiamo pubblicato un bando
aperto senza limiti di tempo - osserva la sindaca - in cui sono precisate tutte le condizioni”. In
particolare, nel bando (puoi scaricare qui la versione integrale) si legge: “Il Comune svolgerà il
ruolo di intermediario tra chi vuole disfarsi di un vecchio immobile e chi è interessato all'acquisto e
garantisce la celerità, per quanto di propria competenza, nel perfezionamento della vendita e nel
rilascio dei successivi titoli abilitativi per la ristrutturazione dell'immobile”.



Al di là del prezzo, perché un acquirente dovrebbe comprare casa nel borgo di Romana? La sindaca
Lucia Catte, da buon promoter del suo paese, spiega: “Desidero sottolineare almeno tre motivi:
siamo un borgo dell’entroterra ma facile da raggiungere, distiamo solo 40 km da Alghero; siamo al
centro di un territorio ricco di natura, storia, archeologia che ha in Villanova Monteleone il punto
di riferimento; per chi ama il mare, inoltre, a poca distanza di noi si trova la spiaggia di Bosa
Marina, un vero e proprio paradiso naturale”.