12. Gran Madre / Crimea

Le quotazioni del Borsino

                       
TIPOLOGIA PREZZI
€/mq*
INDICE
COMMERCIABILITÀ
TEMPI DI VENDITA
Appartamenti
nuovi
4,5-5,5Medio 9 mesi
Appartamenti
signorili
3,3-4,2Buono 6 mesi
Appartamenti
medi
2,8-3,2Buono 6 mesi
Appartamenti
economici
-- -
Negozi
posizione
primaria
-- -
Negozi
posizione
non primaria
-- -
* I prezzi sono €/mq x 1.000

Le quotazioni del Borsino

Gran Madre / Crimea in breve

Gran Madre - Crimea è un quartiere che ha avuto una veloce espansione urbanistica a partire dal 1800. E' infatti di quest'epoca la chiesa della Gran Madre di Dio, costruita tra il 1827 e il 1831 sul modello del Pantheon. E' dedicata al ritorno a Torino di Vittorio Emanuele I dopo la sconfitta di Napoleone, e per questo sul timpano si legge l'epigrafe «ordo popvlvsqve tavrinvs ob adventvm regis», cioè «la nobiltà e il popolo di Torino per il ritorno del re». Da un'idea dell'architetto Ferdinando Bonsignore, l'edificio secondo la leggenda sorge nel punto in cui nell'antichità si trovava il tempio dedicato della dea Iside, chiamata anche Grande Madre. Ai due lati della scalinata ci sono due statue: la prima rappresenta la Fede, la seconda la Religione. E per gli amanti dell'esoterismo, la donna della statua di sinistra, che tiene nella mano destra un libro aperto e con la sinistra solleva una coppa, sarebbe la Madonna con in mano il Sacro Graal.
Su alcune case del borgo (in via Segurana, via Lanfranchi e via Mancini) si trovano invece cinque bassorilievi che raffigurano una nave: l'imbarcazione ricorda quella della fontana parigina del Vertbois e forse racconta la storia degli Argonauti. A circa 200 metri dal Po c'è poi il monte dei Cappuccini, dove troviamo il museo nazionale della montagna e la chiesa di Santa Maria.