28. San Donato

Le quotazioni del Borsino

       
TIPOLOGIA PREZZI
  €/m² x 1.000
INDICE
COMMERCIABILITÀ
TEMPI DI VENDITA
Immobili
nuovi
/ / /
Immobili
signorili
1,6-2,0 Buono 6 mesi
Immobili
medi
1,2-1,6 Medio 9 mesi
Immobili
medi/modesti
0,9-1,2 Medio 9 mesi
Immobili all’asta  
  (prezzo base)
 
0,6//

San Donato in breve

Si hanno tracce di San Donato solamente a partire dal 1536, quando le truppe francesi devastano una parte della zona, compresa la chiesetta omonima. Verso la fine del 1800 il quartiere si estende con nuove costruzioni intorno a corso Francia e via Cibrario, e l'area acquista un'identità residenziale. I primi decenni del 1900 vedono la nascita dei villini in stile liberty, in un quartiere già celebre per essere la casa di diverse fabbriche di cioccolato e cacao. In via Avet, per esempio, nel 1818 nasce la Caffarel, e in seguito, grazie all’incontro del nipote, Ernesto Alberto Caffarel, con l’artigiano del cioccolato Michele Prochet, viene inaugurata la Caffarel-Prochet, famosa per i suoi gianduiotti. In Via Balbis 19 nel 1850 Michele Talmone apre il suo stabilimento per la lavorazione del cacao, conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi manifesti pubblicitari. A San Donato hanno vissuto il cardinale Carlo Maria Martini, Vittorio Messori e Vincenzo Lancia. Nella chiesa di Nostra Signora del Suffragio e Santa Zita, si trova invece la tomba dal beato Francesco Faà di Bruno. Scienziato, matematico, teologo e religioso, a cent'anni dalla sua morte è stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II. Ha vissuto in via San Donato 31, dove oggi si trova il museo a lui dedicato.