19. Sassi / Madonna del Pilone

Le quotazioni del Borsino

                       
TIPOLOGIA PREZZI
€/mq*
INDICE
COMMERCIABILITÀ
TEMPI DI VENDITA
Appartamenti
nuovi
3,0-3,5Medio 9 mesi
Appartamenti
signorili
2,5-3,0Medio 6 mesi
Appartamenti
medi
1,9-2,4Buono 6 mesi
Appartamenti
economici
1,5-1,8Medio 9 mesi
Negozi
posizione
primaria
-- -
Negozi
posizione
non primaria
-- -
* I prezzi sono €/mq x 1.000

Le quotazioni del Borsino

Sassi / Madonna del Pilone in breve

Sassi è un quartiere situato nel territorio pre-collinare, al confine nord-est della città. Già in epoca antichissima qui sorgevano feudi dediti soprattutto alla viticoltura, e tra questi c'era la residenza dei conti di Sassi e del Mongreno. La zona in passato era costituita da un agglomerato di case e opifici di vetro, maiolica e sapone, accanto alle botteghe dei tintori. Mentre intorno al XIX secolo qui vengono inaugurate diverse osterie note in città per le merende a base di pesce.
Oggi Sassi è una zona ricca di spazi verdi, e il più ampio è il parco del Meisino: una riserva naturale a gestione regionale che fa parte delle aree protette del Parco del Po Torinese. Il quartiere è poi sicuramente conosciuto per la Tranvia Sassi- Superga, chiamata anche «Dentiera». E' una linea tranviaria a cremagliera, che collega il quartiere pre- collinare con la collina di Superga. Viene inaugurata il 27 aprile 1884, chiusa per ristrutturazione nel 1934 e riaperta un anno dopo. Negli anni Settanta vive un periodo di abbandono, per poi venire riattivata negli anni Ottanta tornando a essere una delle principali attrazioni turistiche della città. Scesi dalla «Dentiera» si può raggiungere il punto più alto del colle: la Basilica di Superga, progettata nel 1715 da Filippo Juvarra.

In corso Casale sorge una chiesa chiamata Madonna del Pilone, da cui prende il nome il quartiere. Si narra che qui nel 1644 sia avvenuto un miracolo: una bambina di nome Margherita dopo essere caduta in un mulino riesce a sopravvivere grazie alle preghiere della madre rivolte alla Madonna.
Uno dei luoghi caratteristici della zona è senza dubbio il motovelodromo, progettato dall’architetto Ballatore di Rosana, protagonista dell’epoca liberty torinese, e inaugurato nel 1920. Ha ospitato diverse gare di ciclismo su pista. Ma siccome le spese di gestione erano molto alte, in questi spazi sono stati organizzati altri eventi sportivi: dal calcio all'atletica, dal rugby al football. Ha ospitato un'edizione della Carmen e dell'Aida e il concerto dei Roxy Music davanti a seimila spettatori. Nel 1990 il motovelodromo è stato intitolato a Fausto Coppi, nel trentennale della scomparsa del ciclista, e nel 2004 è stato utilizzato per riprodurre lo stadio Filadelfia per le riprese della serie televisiva «Il Grande Torino».
Percorrendo corso Casale, al numero 205 c'è una targa che indica la finestra dell’abitazione di Emilio Salgari. E' stata l'ultima dimora del padre di «Sandokan», del «Corsaro Nero» e dei «Pirati della Malesia».